Potatura, quando e come operare in giardino e nel frutteto

A gennaio l’inverno entra nel pieno del suo regno ma la primavera non è così lontana come sembra: è il momento di preparare le piante al prossimo risveglio!
Tra i lavori più importanti da effettuare in questi mesi in giardino e nel frutteto, vi è senza dubbio la potatura. Operazione che può apparire semplice ma che non lo è affatto, e dalle forti conseguenze sulle nostre piante: potare nel modo sbagliato può compromettere seriamente la vita della pianta nella prossima stagione vegetativa (se non addirittura determinarne la morte), ecco quindi alcuni consigli per operare al meglio.

Nel frutteto ma anche in giardino è importante impugnare le forbici nei giorni giusti, cioè preferibilmente con la Luna calante. In questa fase del mese, infatti, la circolazione della linfa è più ridotta e lenta; potando con la Luna crescente, innescheremmo una reazione vegetativa più vigorosa nella pianta, che produrrà un numero maggiore di gemme da legno, a discapito delle gemme da fiore e quindi da frutto. Soprattutto quando si opera su alberi a debole sviluppo, è importante potare in questo momento per incentivare la produzione di frutta.

Nel vigneto, se si pota con la Luna crescente le piante “piangono” in modo assai più vigoroso rispetto a quanto avviene potando con la Luna calante. L’attrazione gravitazionale esercitata dal nostro satellite attira verso gli apici dei rami, e quindi verso il punto di taglio, una maggiore quantità di linfa, che fuoriuscirà in modo più abbondante dalla ferita, indebolendo maggiormente la pianta. In queste condizioni, la pianta perde energie importanti e diventa più esposta agli attacchi di funghi e parassiti; una eccessiva “lacrimazione”, inoltre, ritarda la cicatrizzazione delle lacerazioni inferte dalle forbici, prolungando l’esposizione della “parte viva” agli agenti patogeni. Questo fenomeno, ben visibile nel vigneto, accade per qualsiasi tipo di pianta in modo più o meno evidente: per questo è importante evitare di potare con la Luna crescente anche in giardino o sul terrazzo.

Restando nel vigneto, anche la potatura verde di giugno deve essere operata con la Luna calante: in questa fase procederemo anche a un controllo della produzione, eliminando i germogli in eccesso e quelli più deboli; il diradamento dei grappoli, invece, verrà fatto successivamente, nella fase detta “invaiatura”, per la quale opereremo con la Luna calante di agosto, o di luglio se la Luna è “bassa” in quel periodo dell’anno.

Per riassumere, possiamo sempre far riferimento a una regola generale molto antica, secondo la quale ciò che vogliamo far crescere e sviluppare vigorosamente deve essere potato con la Luna crescente; ciò che invece deve rallentare, affinarsi o morire, è bene che subisca la potatura con la Luna calante.

 

Quel satellite era sempre stato un prezioso alleato del genere umano. La sua luce era un regalo caduto dal cielo. Prima del fuoco, degli attrezzi, del linguaggio, la Luna rischiarava il buio del mondo e calmava la paura degli uomini. Le sue fasi avevano insegnato agli umani il concetto di tempo.
Haruki Murakami

 

 

Author: Gabriele Panigada

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

ROBERT PITTI S.p.A.
Sede: PIAZZA DEI PITTI, 13 - 50125 - FIRENZEP.iva: 06127780481C.F.: 06127780481E-Mail: info@robertpitti.itPEC: robertpitti@pec.itCapitale Sociale: 120.000 EuroCapitale Sociale versato: 30.000 EuroIscrizione registro imprese di FIRENZE n. 06127780481